We Are Tennis e Tennis Academy: BNL con IQUII tra tecnologia ed entertainment per la Fan Experience

tennis e fan engagement

Foro Italico, Roma. Come ogni anno, in questo periodo, l’appuntamento con gli Internazionali BNL d’Italia ha catalizzato l’attenzione: l’evento, giunto alla 75esima edizione, raccoglie e coinvolge migliaia di appassionati di tennis e non solo. Per i brand che decidono di ‘scendere in campo’, quindi, ‘creare una community’ è l’obiettivo più ambito, ma, pensare che la strategia sia tutta qui, sarebbe un errore.

Soprattutto nell’era nella quale il digitale permette di mappare, analizzare e sfruttare tutta la mole di informazioni che si riesce ad acquisire, e, in particolar modo, nei momenti altamente emozionali come le sfide dell’arena di Roma, sfruttando prossimità e geolocalizzazione, oltre che accessi, tempi di permanenza, clic e registrazioni.

Per il mantra dello Sport Management 4.0: convertire i fan in clienti.Gli avvenimenti sportivi sono – nella cultura moderna – una delle poche esperienze condivise da un vasto pubblico: se il calcio è lo sport più amato a livello globale, infatti, è anche vero che il tennis unisce una community di appassionati con un suo carattere prevalente, e, questa community, rappresenta un target interessante e ricco di potenzialità di espressione per le aziende.

Secondo Lew Sherr, Chief Revenue Officer per la USTA – United States Tennis Association – gli sponsor sono attirati dalla sabbia rossa perché “il tennis è lo sport di genere neutrale di maggior successo di sempre” in termini di seguito, una fanbase che è “benestante, ben educata e sempre più diversificata”. La maggior parte dei fan di tennis mostra, in effetti, alcune caratteristiche che, per affinità, molte aziende cercano in un potenziale cliente. Ma se il tennis è uno degli sport globali più commercializzabili, non lo è soltanto per una fanbase potenziale con un reddito medio-alto: la presenza di icone internazionali, come Federer o Nadal, bastano a giustificare la passione dei supporter.

Leggi anche  eSport e Marketing Sportivo, a Milano 'Let's Play for Real!'

Il tennis rappresenta, di conseguenza, un canale interessante per quelle aziende che hanno come obiettivo una maggiore visibilità, di sicuro, e l’opportunità di veicolare, attraverso lo sport – un certo tipo di sport – un messaggio che esprima i valori del brand.

Ma, soprattutto, per diffondere ad un giusto target un’advertising sempre più individuale.Uno degli scopi principali di queste aziende è, quindi, connettere i consumatori con le loro passioni e muoversi tra queste connessioni in modo da aumentare sia la brand awareness che il fan engagement. Ma come? La maggior parte del lavoro avviene attraverso i touchpoint digitali che si strutturano per costruire la brand experience. Tuttavia, la possibilità di offrire un’esperienza di qualità si estende anche nel reale, nel corso degli eventi – ad esempio – dove l’impresa può avere l’opportunità di mettersi in diretto contatto con i propri clienti, rendendo i rapporti più solidi, premiando i consumatori più fedeli e – cosa di fondamentale importanza – proponendo offerte e prodotti.

Le esperienze coinvolgenti però, proprio quelle che propongono un percorso dal digitale al reale, e viceversa, aiutano le imprese non solo a catturare l’attenzione e l’immaginazione del cliente, aumentando sia l’engagement che l’affinità con la marca, ma, soprattutto, a individuare le sue preferenze, le sue informazioni, per creare una proposta su misura per lui.

BNL, We Are Tennis e Tennis Academy

IQUII, per BNL, è intervenuta con un progetto partito circa tre anni fa dallo sviluppo dell’applicazione mobile BNL Tennis Academy. Questo ha comportato, innanzitutto, l’introduzione di un sistema di profilazione che è andato a integrare quanto fatto fino ad allora – in termini di community management e content marketing – permettendo al brand di essere presente su una community, We Are Tennis, ad oggi tra le principali in Italia.

Leggi anche  Tre importanti novità - una per ruolo - nel 'The Social Team' della settimana

La prima fase ha riguardato la progettazione e lo sviluppo di una nuova applicazione mobile che servisse, fondamentalmente, ad una targettizzazione più capillare. A questo scopo è stato introdotto il sistema di autenticazione e registrazione utenti.

Nella seconda fase l’obiettivo è stato favorire lo sviluppo di microinterazioni, all’interno della piattaforma, con commenti e discussioni tra gli utenti: per questo motivo è stato reso possibile interagire con il contenuto esprimendo il proprio parere anche attraverso un like. Le interazioni – con il conseguente scambio di opinioni – sono strumenti essenziali per spingere a migliorare e misurarsi sportivamente con gli altri.La terza fase ha visto lo sviluppo di una piattaforma play che fungesse da marketplace sia tra circoli e utenti che tra utenti e utenti, per poter organizzare partite di tennis grazie a un sistema di ranking amatoriale interno all’app. Questo ha comportato la condivisione di contenuti autoprodotti dagli user, che compilano schede con le proprie caratteristiche tecniche e le capacità personali per mettersi in gioco con gli altri.

Poco prima dell’inizio del torneo, inoltre, è stato pubblicato il nuovo sito, incentrato sul racconto. Grande importanza al blog, infatti, con lo storytelling delle giornate e informazioni di ogni tipo sui protagonisti che animano l’arena di Roma. Per seguire le sfide, proprio per questo, senza perdersi un ‘colpo’, è stato introdotto il live score (presente anche in app) dei principali tornei ATP e WTA, grazie al quale è possibile seguire le partite, set dopo set, punto su punto, come se si fosse a bordo campo. Il ranking singolo/doppio ATP/WTA, e le media gallery dei principali tornei, completano quello che è destinato a diventare un punto di riferimento per gli appassionati del tennis mondiale.

Leggi anche  Serie A Twitter Club: stagione 2017/2018

Per una fan experience totale.

Condividi questo articolo!
Email this to someone
email
Share on LinkedIn
Linkedin
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on Facebook
Facebook

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*