This is Football: il calcio inglese sul tetto d’Europa

Football

It’s coming home.

Così cantavano, quasi un anno fa, i tifosi inglesi in Russia, desiderosi di riportare a casa un trofeo ambito come la Coppa del Mondo, che manca nella “patria del football” da più di 50 anni.

Alla fine, senza perdersi d’animo, i supporter dei “3 leoni” si sono dovuti accontentare del quarto posto, pronti ad affrontare un’altra stagione calcistica da protagonisti, come forse non si aspettavano.

Così è stato: they are coming home, è il caso di dire, visto che i trofei europei più ambiti a livello di club arriveranno in Inghilterra, tra meno di un mese, a riempire la bacheca di Liverpool o Tottenham – per quanto riguarda la “coppa dalle grandi orecchie” – e quelle londinesi di Arsenal o Chelsea, parlando della seconda competizione continentale.

Non era mai capitato che 4 squadre inglesi occupassero i 4 posti da finalista delle due competizioni: un risultato storico, frutto della efficiente programmazione e degli investimenti internazionali che la Premier League è in grado di attrarre, ma anche della mentalità vincente del calcio d’oltremanica, in cui corsa, ritmo, sudore e voglia di non arrendersi mai hanno spesso la meglio sulle dinamiche tattiche.Un dominio totale, sul campo ma anche sui social.

Sfogliando le pagine dell’ultimo “The European Football Club” Report di IQUII Sport, risulta chiara la maggioranza inglese nella TOP 20 delle squadre europee più seguite sui vari canali online: la Premier League, infatti, può vantare ben 7 rappresentanti in questa speciale classifica (nella quale compaiono, ovviamente, le 4 regine d’Europa ancora impegnate nelle competizioni continentali), il 35% del totale, per un totale di 414M di follower aggregati.

Leggi anche  “The European Football Player” Report, ottava edizione: l’impatto del calciomercato sui social

 

FootballPer di più, non è un caso che, prendendo in analisi la TOP 20 su Instagram – il social più in voga e usato del momento – le squadre che hanno incrementato maggiormente la propria fanbase nell’ultimo mese (10 aprile – 10 maggio) siano proprio Liverpool e Tottenham, le due protagoniste della finale del Wanda Metropolitano del prossimo 1 giugno: se i Reds riescono a vantare un’ottima crescita del 6.40% gli Spurs raddoppiano, incrementando il proprio seguito online del 12.51%, un risultato incredibile che è frutto di due eventi recenti nella vita del club: la costruzione del nuovo, incredibile stadio, di cui abbiamo ampiamente trattato nella newsletter di Sport Thinking del mese di aprile, e l’approdo in finale di Champions League per la prima volta in assoluto, dopo 136 anni di storia.

Per non parlare dei boom social che le due squadre hanno sperimentato subito dopo le rispettive vittorie ad Anfield e alla Johan Cruyff Arena: come è possibile apprezzare dai due studi di IQUII Sport delle giornate di ieri e l’altro ieri, infatti, il Liverpool ha incrementato la propria fanbase su Instagram di ben 341K follower nelle ore successive alla commovente impresa contro i catalani capitanati da Lionel Messi; ad Amsterdam, invece, l’eroe è stato Lucas Moura, che ha raccolto – in poche ore – più di 1M di interazioni sul suo post dopo la vittoria arrivata nell’ultimo minuto di recupero, l’ultimo minuto di una due giorni di Champions che è entrata nella storia del calcio.

 

Football

 

FootballDi sicuro, non finirà qua: la crescita che abbiamo osservato in questi giorni è destinata a compiere la sua evoluzione, nell’avvicinamento ai due eventi nei quali si assegneranno i rispettivi trofei alle squadre che lo meriteranno di più. Così, viene ancora più curiosità di aspettare la 17° edizione del “The European Football Club” Report, in uscita tra undici giorni, per apprezzare quanto le due competizioni continuino ad influire sulle fanbase online delle rispettive squadre.

Leggi anche  World Cup Twitter Club: analisi complessiva di Russia 2018

 

Reds, Spurs, Gunners, Blues: Madrid e Baku vi aspettano.

Che vincano i migliori, e in alto le pinte!

Condividi questo articolo!
Email this to someone
email
Share on LinkedIn
Linkedin
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on Facebook
Facebook

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*