Si è conclusa lo scorso 16 maggio l’edizione 2021 degli Internazionali d’Italia di Tennis. Le speranze di una vittoria azzurra, che manca dal lontano 1976 nel maschile e 1985 nel femminile, si sono scontrate con la forza e la concretezza di Rafael Nadal e di Iga Świątek, trionfatori nella magnifica cornice del Centrale del Foro Italico di Roma.

Un fronte in cui però i nostri atleti si sono difesi egregiamente, con diversi exploit da sottolineare, è quello dei risultati raggiunti sui social media. Dominatore assoluto di questo ranking, realizzato dalla Sport Intelligence Unit di IQUII, è Lorenzo Sonego. Il tennista di Torino, grazie al suo straordinario percorso nel torneo (che l’ha portato sino alle semifinali), ha visto impennarsi percentualmente la sua fanbase social di +73.47%, con un +32.3K di aumento assoluto. Da notare come il tennista torinese, ad oggi nuovo numero 28 della classifica ATP (17/05/2021), veda la sua presenza social limitata al solo Instagram, in ascesa da diverse settimane a questa parte.

Il nostro numero 1 azzurro Matteo Berrettini, nonostante un’avventura breve in questi Internazionali d’Italia 2021, ha avuto una crescita del +4.31%, certamente in parte dovuta alla finale raggiunta al Master 1000 di Madrid la settimana precedente. Jannik Sinner sfonda quota 400K follower, continuando la sua rapida progressione sia in campo che sui social. Fabio Fognini, l’azzurro con il maggior seguito sui social media, ha visto la sua fanbase praticamente invariata (+0.23%) rispetto all’inizio del torneo.

Internazionali d'ItaliaGuardando il tabellone femminile del torneo, le tenniste italiane non sono riuscite ad andare oltre il primo turno, ma il nostro ranking premia comunque le azzurre. In particolare Martina Trevisan, che scala la classifica spinta da un aumento della fanbase di +8.77% rispetto alla settimana precedente.

Internazionali d'Italia

Tra prestazioni sportive e performance digitali: la fidelizzazione dei fan

Questi dati dimostrano come le performance digitali degli atleti siano direttamente influenzate dai risultati sul campo (come è prevedibile aspettarsi), ma anche che i boost dati dall’attività sportiva non sono sufficienti a capitalizzare i risultati di visibilità raggiunta.
Sono necessarie attività collaterali, votate alla visibilità, al fan engagement e alla fidelizzazione, che consolidino la fanbase acquisita. Per questo i tennisti della generazione Z sono così attenti a instaurare un dialogo con i propri fan e a ideare e produrre contenuti con l’obiettivo di mantenere alto l’interesse su ciò che fanno fuori dal campo.

Il tutto è un gioco di alternanza tra prestazione sportiva, che amplia la fanbase sfruttando la visibilità degli eventi, e prestazioni digitali, che fidelizzano i fan acquisiti dando loro di più. Dandogli il contatto, il lato umano e una prospettiva oltre lo sport che li farà sentire all’interno di una relazione.
La ricaduta positiva di tutto questo è che l’atleta che cura la propria immagine e la relazione con i propri fan diventa una sorta di Ambassador perenne, un canale di visibilità per gli sponsor che, a loro volta, dovranno saper adattare la propria offerta e la propria comunicazione alle audience attivate da ciascun atleta.

*i dati relativi alle fanbase sono aggiornati al 17/05/2021. Le variazioni percentuali sono state calcolate nel periodo 10/05/2021 – 17/05/2021.

 

 

 

Metti in atto la tua Sport Digital Transformation

    Redazione Sport Thinking
    Author

    La Redazione di Sport Thinking, il Brand Magazine di IQUII Sport, è composta da esperti del settore e giornalisti con una passione in comune: lo Sport e le sue implicazioni di business. La Redazione lavora quotidianamente per offrire analisi, spunti e approfondimenti di interesse e sempre aggiornati, secondo gli ultimi trend della Sport Digital Transformation.