600 atleti partecipanti, 70 nazioni, 13 titoli mondiali da assegnare. Quello di Cortina 2021 sarà un evento con circa 500 milioni di spettatori collegati da remoto e che coinvolgerà direttamente 5.000 persone, tra addetti ai lavori, tecnici, preparatori atletici, skimen e dirigenti ai quali si aggiungono 1.000 volontari.

In scena dall’8 al 21 febbraio 2021, rappresenterà il primo grande evento globale di sport invernali, svolto durante la pandemia e forse si tratterà del primo esperimento tecnologico/digitale nel quale il fan verrà attivato e abilitato grazie alla tecnologia e in mancanza della possibilità di essere presente a bordo pista e nel comprensorio di Cortina d’Ampezzo, un territorio dichiarato patrimonio naturale dell’Unesco.

La conca ampezzana è un territorio particolare e i Mondiali di sci alpino si svolgeranno in un contesto abituato alle competizioni moderne e storiche: basti pensare alla recente Dobbiaco-Cortina di fine gennaio, giunta alla sua 44° edizione e che rappresenta un tracciato “classico” dello sci di fondo, unico nel suo genere perché percorre la vecchia Ferrovia delle Dolomiti, inaugurata nel 1921 e chiusa tra il 1962 e il 1964. Il tratto ferroviario aveva il compito di collegare Dobbiaco, che rappresenta il nord del territorio, con il sud della conca fino alla stazione di Calalzo di Cadore. Perché ricordiamo la Ferrovia delle Dolomiti? Perché giocò un ruolo fondamentale durante le Olimpiadi Invernali di Cortina d’Ampezzo del 1956, prima manifestazione olimpica della storia tenutasi in una città italiana, essendo il mezzo di trasporto che venne usato sia dagli atleti e le delegazioni sia dalle persone che raggiunsero la “Perla delle Dolomiti” per seguire la competizione mondiale.

La ferrovia e l’app Cortina 2021: metafora tecnologica dei Mondiali

La ferrovia, per quegli anni, rappresentò un’innovazione senza pari consentendo alle persone di non perdersi lo spettacolo dei giochi olimpici. Allo stesso modo anche i Mondiali di sci alpino di Cortina 2021 potranno avvalersi di un supporto tecnologico che questa volta, invece di portare i tifosi all’evento, porterà l’evento ai tifosi e accompagnerà l’evoluzione dell’interazione attraverso una metafora di quella ferrovia: l’app di Cortina 2021 e tutte le infrastrutture tecnologiche renderanno possibile il coinvolgimento dei fan. Ma ci sarà anche un altro lato più “sociale” rappresentato dalle conversazioni che si svilupperanno sulle piattaforme social che includeranno, molto probabilmente, anche l’ultimo arrivato ClubHouse, per ora disponibile solo per gli utenti iOs.

Conversazioni e numeri degli atleti azzurri a Cortina

Le conversazioni hanno già preso il via con l’uscita di scena di Sofia Goggia che ha dovuto rinunciare ai Mondiali per l’incidente occorso a Garmisch mentre scendeva a valle. Sui social Sofia si è sfogata, esternando tutta la sua rabbia e il suo sconforto per mancare l’appuntamento con i Mondiali e l’attenzione dei fan, in 48 ore, ha fatto schizzare in avanti i numeri dei suoi canali portando addirittura 6.000 followers in più sul profilo Instagram. Questo fa comprendere come ormai gli atleti abbiano una vita oltre le competizioni, e il follower è molto attento all’empatia che lo sportivo sviluppa, anche nei momenti di grande difficoltà agonistica.

I campioni italiani dello sci alpino: tra numeri e discese

Rimangono in gara i compagni azzurri della Goggia che, seguendo un ranking estratto dall’analisi dei profili su Instagram, raccontano di una classifica oltre la sfida olimpica. Dominik Paris, atteso sulla Vertigine di Cortina, vola alto e veloce anche su Instagram dove, con i suoi quasi 156.000 follower già detiene il podio iridato. Dopo di lui si scende immediatamente sotto quota 100k. Christof Innerhofer, Manfred Moelgg, Luca de Aliprandini e in quinta posizione Alex Vinatzer, il ricambio generazionale dello sci alpino, 21 anni, unico salito sul podio tra i pali stretti dello slalom speciale di Coppa del Mondo di Sci alpino a Madonna di Campiglio: una terza posizione conquistata sul Canalone Miramonti a soltanto un mese dall’operazione all’appendice, con quell’unico centesimo che lo ha distanziato dall’avversario norvegese Foss-Solevagg che assieme al connazionale Henrik Kristoffersen hanno conquistato seconda e prima posizione.

A Cortina le donne azzurre dello sci sono le prime della classe

Su Instagram Federica Brignone è la regina delle nevi con più di 185K follower, vista l’assenza di Sofia Goggia che con la sua fanbase di oltre 326K follower è da considerarsi quasi un essere soprannaturale soprattutto per il fatto di continuare a tenere incollati i fan con le sue storie, anche se non scenderà in pista. Seguono Marta Bassino e le sorelle Elena e Irene Curtoni, stelle valtellinesi della squadra azzurra di sci alpino. Irene, definita la più esperta delle sorelle che si prepara alla sua sesta kermesse iridata, ha una fanbase inferiore a quella della sorella: 61.639 per Irene e quasi 71.000 per Elena. In ultima posizione del ranking Instagram, Nadia Delago con soli 11.492 follower. Per lei il compito più arduo in questi Mondiali: sostituire Sofia Goggia nella lista delle 9 ragazze della “valanga rosa” che scieranno a Cortina.

 

 

Opportunità sportiva diventa opportunità social?

FIS Alpine World Ski Championships 2021
Cortina d’Ampezzo (BL) dall’8 al 21 febbraio 2021

Alessandra Ortenzi
Author

Autore Hoepli e Maggioli, giornalista ed esperta in strategie digitali per lo sport scrive per la sezione Sport de Il Messaggero e per Basketinside.com. Docente nei Master di Sport & Business Economy, cura progetti editoriali in ghost writing ed è mamma, assieme a Raffaella Masciadri, del progetto Sportivedigitali.it dedicato alla dual career delle giovani atlete.

Scrivi un commento