Siamo arrivati ad approfondire il settimo dei temi trattati nel paper “Sport Digital Trends 2021”: iEngagement lì dove il termine descrive le azioni per coinvolgere il fan non solo da remoto e con le tecnologie digitali, ma con azioni e strategie che tengano conto della futura presenza del fan nelle venue e nella fruibilità dell’evento dal vivo: Integration Engagement is on the go!

Il nuovo engagement del tifoso sarà basato sull’integrazione fisica e digitale, senza mai dimenticare che l’esperienza da remoto è importante ma quando il fan tornerà negli stadi e nei palazzetti lo farà con un background tutto nuovo che farà nascere in lui nuove esigenze di coinvolgimento anche dal lato fisico.

In questi momenti di ricostruzione dello sport e delle strategie che coinvolgeranno il fan nel prossimo futuro, non possiamo non tener conto di una serie di interrogativi e di possibilità che la crisi ha generato: dal passaporto sanitario che probabilmente verrà richiesto non soltanto per viaggiare ma anche per essere presenti negli eventi sportivi, alla necessità di vivere gli eventi sportivi restando connessi.

Anche nell’approfondimento che recentemente abbiamo pubblicato sui diritti televisivi, nel quale si faceva riferimento allo studio del nuovo fan, è emerso che la nuova generazione di tifosi, quella compresa tra i 16 e 24 anni, vuole “commentare insieme agli altri tifosi” gli eventi calcistici.

L’engagement di domani: sinergia tra fisico e digitale

Il distanziamento fisico dallo sport ha generato una serie di azioni che hanno consentito al tifoso, lontano dagli stadi e dai luoghi dove era presente prima della pandemia, di restare in contatto con i brand sportivi. Le società hanno studiato percorsi alternativi soprattutto per cercare nuove strade di coinvolgimento degli sponsor.

Questo sarà l’anno in cui si studieranno nuove strategie che consentiranno di integrare le soluzioni digitali apportate nell’emergenza con un nuovo modo di coinvolgere il fan. Tali soluzioni terranno conto delle dinamiche fisiche, attivando un’integrazione dell’engagement costruito sulle nuove proposte digitali. Mai più separate, le azioni potranno godere della sinergia tra fisico e digitale.

Nuove platform per coinvolgere il fan prima, durante e dopo l’evento

Nel prossimo futuro dello sport, vedranno la luce nuove platform verticali. Attraverso esse verranno attivati programmi di coinvolgimento sul territorio e nelle venue: loro saranno la soluzione che avrà come unico scopo quello di mantenere alta l’attenzione del fan prima, durante e dopo un evento, abilitando gli sponsor legati all’evento o al club, al fine di creare processi virtuosi di conversione.

Il tifoso troverà in esse non solo strumenti utili per approfondire “la storia” dell’evento e dei suoi protagonisti, ma anche una interactive zone che gli consentirà di commentare l’evento in diretta con la sua community, scoprire curiosità sulla venue e sulla gara e conoscere tutte le commodities a lui riservate sia lato fisico sia lato digitale.

Scarica il paper completo

Leggi anche “Sport digital trend 2021: Sport Digital Evolution”

Leggi anche “Sport digital trend 2021: Broadcasting and podcasting”

Leggi anche “Sport digital trend 2021: Retail and merchandising”

Leggi anche “Sport digital trend 2021: The Tech League”

Leggi anche “Sport digital trend 2021: Digital Athletes”

Leggi anche “Sport digital trend 2021: Member not fan”

Alessandra Ortenzi
Author

Autore Hoepli e Maggioli, giornalista ed esperta in strategie digitali per lo sport scrive per la sezione Sport de Il Messaggero e per Basketinside.com. Docente nei Master di Sport & Business Economy, cura progetti editoriali in ghost writing ed è mamma, assieme a Raffaella Masciadri, del progetto Sportivedigitali.it dedicato alla dual career delle giovani atlete.